,

Sguardi allo specchio

Sguardi allo specchio” è il progetto che Rete G2 ha realizzato con l’Arci e Rete della Conoscenza per contrastare le discriminazioni. Fornire gli strumenti per conoscere e comprendere al meglio la complessa realtà del fenomeno migratorio. E’ l’obiettivo che ha guidato la realizzazione di questo lavoro. Dalle ragioni che spingono le persone a lasciare il proprio paese alla gestione dell’accoglienza. Lo sguardo è puntato soprattutto sul nostro paese e sulla realtà italiana, con un passaggio anche su chi immigrato non è, perché è nato e cresciuto nel nostro paese, ma per la legge può dirsi cittadino italiano soltanto, se tutto va bene, a partire dai 18 anni.

Scarica l’Opuscolo

Italiani 2.0 / G2 chiama Italia: Cittadinanza rispondi!

Ecco  il dossier Italiani 2.0 / G2 chiama Italia: Cittadinanza rispondi! Ideato dalla Rete G2 Seconde Generazioni con il contributo di esperti sul tema della cittadinanza, scuola, media e sport. Lo abbiamo presentato martedì 16 dicembre 2014 alla presenza di parlamentari, giornalisti ed esponenti della società civile. Abbiamo posto delle questioni e fatto delle domande che richiedono risposte da parte del parlamento!

Scarica il Dossier

G.Lab

“G.Lab – Laboratorio di cittadinanza” è un progetto d’informazione e promozione della cittadinanza. La  “G.” sta per le “seconde generazioni”, protagonisti del progetto; Laboratorio perché si tratta di uno spazio in cui si svolgono diverse attività in continuo divenire.

Si tratta di un progetto sperimentale nato dalla collaborazione tra l’ assessorato alle Politiche sociali, il servizio Giovani del Comune di Milano e l’associazione Rete G2 – Seconde Generazioni, con il contributo del Ministero del Lavoro. Lo sportello è stato inaugurato nel marzo 2013 ed è stato chiuso per fine dei finanziamenti da parte del Comune di Milano nel gennaio 2014!

Il fulcro di questa esperienza di Rete G2 è un desk informativo, che ha orientato i giovani, le famiglie, gli insegnati e gli operatori culturali sui servizi offerti dal territorio urbano rispetto all’acquisizione della cittadinanza, sulle possibilità di studio e sul lavoro per le seconde generazioni. Oltre a fornire informazioni sul diritto a essere cittadini italiani, il desk ha svolto anche un’intensa attività di sensibilizzazione sui temi dell’intercultura.

I membri della Rete G2 – Seconde Generazioni hanno ricoperto il ruolo di operatori del settore e di diffusori della cultura sul diritto alla cittadinanza. G.Lab, che è stato ospitato all’interno dell’Informagiovani, in pieno centro a Milano, è un progetto che ha sostenuto sotto ogni aspetto la crescita e la formazione delle nuove generazioni.

 

Progetto di Ricerca-Azione: “Seconde Generazioni LGBT”

Chi sono le “seconde generazioni LGBT”?

E perché un progetto rivolto a loro?

Siamo un piccolo gruppo di attiviste/i di movimenti delle seconde generazioni e LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender/transessuali) e studiosi/e dei temi correlati a questi percorsi. Con questo progetto di ricerca abbiamo tentato di fare incontrare i nostri percorsi personali e professionali con un bisogno che abbiamo intercettato fra figlie e figli di stranieri con percorsi di orientamento sessuale e/o identità di genere non eteronormativi: quello di trovare occasioni di incontro e di scambio di esperienze.

Le “seconde generazioni LGBT” sono una realtà sociale che sta crescendo anche in Italia e cui vorremmo dedicare una speciale attenzione per la vivacità che propone e per le domande e i bisogni che pone.

L’intento è stato quello di metter a fuoco le questioni centrali della loro esperienza, di offrire occasioni per esplorare questi temi e confrontarsi in situazioni di gruppo, e infine di aiutare le istituzioni e i servizi a comprendere nelle loro azioni le esigenze espresse.

La prima azione – avviata a Giugno 2013 – ha comportato l’organizzazione di una serie di focus group con lo scopo di far incontrare i/le giovani perché raccontino le vicende significative del loro percorso e mettano in comune i temi portanti della loro esperienza.

Il PROGETTO DI RICERCA-AZIONE “SECONDE GENERAZIONI LGBT”
si è concluso a novembre del 2015

Se desideri avere maggiori informazioni scrivi a: g2@secondegenerazioni.it

Hanno lavorato al progetto Helen Ibry (antropologa e presidente di ArciLesbica Zami Milano), Massimo Modesti (pedagogista e ricercatore in antropologia dell’educazione), Medhin Paolos (fotografa e attivista della Rete G2 – Seconde Generazioni) e Antonia Monopoli (responsabile Sportello Trans di ALA Milano Onlus).

Il progetto è sostenuto dalle associazioni Rete G2 – Seconde Generazioni, ALA Milano Onlus e ArciLesbica Zami Milano.

Scarica la Cartolina Promozionale