Forum della Rete G2 – Seconde Generazioni

Oggi è 28 nov 2022, 07:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 11 set 2013, 22:00 
Moderatore

Iscritto il: 07 dic 2008, 19:59
Messaggi: 631
Come al solito con l'inizio dell'anno scolastico si ripropongono le stesse discriminazioni e gli stessi problemi. Si parla tanto di integrazione, ma poi quando va fatta con la pratica viene rifiutata o addirittura non viene riconosciuta un'integrazione già avvenuta negli anni passati solo perchè da fastidio quell'origine diversa

- a Landione (Novara) in una scuola elementare che rischiava di chiudere 10 anni fa e per evitarlo si invitarono i rom a iscrivere i loro figli. Ora sembra che i rom siano troppi e gli italiani ritirano i loro figli. [ sarebbero 25 rom iscritti anche di cittadinanza italiana, ma presenti in classe solo 7 e 12 italiani "non rom"]

- Costa Volpino nel Bergamasco. Era stata composta una classe di 14 stranieri e 7 italiani. Suppongo che i 14 stranieri non sono arrivati ieri, che alcuni siano nati in Italia e altri avranno già fatto la scuola materna.

- Prato al tecnico-comerciale Dagomari dove il 52% di alunni è di origine straniera, si era formata una classe di 20 ragazzi di origine cinese e due italiani di origine italiana. Gli italiani hanno fatto richiesta di cambiare la classe con il risultato di una classe tutta di origine cinese.

Fonte: 11-09-2013 Corriere Fiorentino Distribuito Con Corriere 9 E IN CLASSE RIMASERO SOLO I CINESI
100 11-09-2013 Corriere Della Sera 22 "TROPPI ALUNNI ROM". E LE FAMIGLIE RITIRANO I BIMBI
101 11-09-2013 La Repubblica 20 "TROPPI ROM IN CLASSE". E LE MAMME RITIRANO I FIGLI
102 11-09-2013 La Stampa 19 VIA GLI ITALIANI A SCUOLA SOLO 7 ALLIEVI SINTI
103 11-09-2013 Il Giornale 16 TROPPI BIMBI ROM I GENITORI RITIRANO I FIGLI DALLA SCUOLA
104 11-09-2013 Il Messaggero 11 "TROPPI ROM IN CLASSE" E TOLGONO I FIGLI
105 11-09-2013 Avvenire 11 "TROPPI ROM IN AULA", I GENITORI RITIRANO I FIGLI
106 11-09-2013 Il Gazzettino 10 TROPPI ROM IN CLASSE VIA I FIGLI DA SCUOLA
107 11-09-2013 Il Mattino 10 "TROPPI ROM IN CLASSE, RITIRIAMO I NOSTRI FIGLI"
108 11-09-2013 Gazzetta Di Parma 4 SCUOLE CON TROPPI STRANIERI E ROM: I GENITORI RITIRANO I FIGLI
109 11-09-2013 Corriere Della Sera Ed. Milano 9 "TROPPI STRANIERI IN CLASSE" SMISTATI IN UN'ALTRA SCUOLA


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 12 set 2013, 18:56 
Moderatore

Iscritto il: 07 dic 2008, 19:59
Messaggi: 631
e come si era detto il 42% di questi stranieri è nato in Italia e quasi tutti stanno in Italia da anni, hanno fatto gia l'asilo

Cita:
VENEZIA - Nelle statistiche figurano ancora come «alunni stranieri» ma la maggior parte di loro è nata in Italia e ci vive
da poco meno di 1o anni. Alla partenza del nuovo anno scolastico, in Veneto, gli alunni stranieri sono quasi 8o mila, su 605 mila iscritti. Più della metà di loro ha meno di 1o anni e ha iniziato qui la carriera scolastica. Il 42% c'è proprio nato, in Italia. Di nuovi arrivi per il 2012/2013
se ne contano pochi
ed è questa la vera inversione di tendenza rispetto agli anni scorsi, registrata dall'Ufficio scolastico regionale. Sono aumentati romeni, moldavi e bengalesi, sono diminuiti serbi e macedoni. La percentuale di stranieri sul totale degli iscritti è rimasta però stabile: +0,28%. In pochi sono
arrivati ma chi c'era è rimasto. Tant'è che i grandi numeri, fino a qualche anno fa rilevati nelle iscrizioni alla scuola dell'infanzia (ora 9.988) si ritrovano alle
elementari (33.539) e cominciano a raggiungere anche le medie (19.684). Chi ha cominciato l'asilo in Veneto è rimasto con la sua famiglia e adesso è un
adolescente che sta per iscriversi alle superiori. Un intero percorso scolastico in Italia, che ripropone il tema cittadinanza.
Nei giorni scorsi Claudio Piron, assessore all'Istruzione di Padova, dove gli allievi stranieri toccano il 65%, aveva avvertito: «Bambini e ragazzi che giocano con gli stessi giocattoli dei loro compagni italiani, mangiano lo stesso cibo, studiano le stesse materie e parlano la stessa lingua secondo la legge di
questo nostro strano Paese sono e resteranno stranieri fino alla maggiore età. Ma vi pare possibile nel 2013?». La replica al governatore Luca Zaia: «II vulnus sono i figli di immigrati inseriti in un progetto e che già vanno a scuola: non si può pensare che diventino italiani solo quando, dopo i io anni previsti
dalla legge, saranno alle medie. Sono contrario allo ius soli coram populo, per essere cittadini è necessario conoscere almeno la nostra lingua, la nostra storia e la nostra identità. Sollevo però il tema dei bambini nati qui e qui iscritti a scuola, sui quali credo che un ragionamento al di là dello ius soli debba essere fatto, anche perché spesso parlano il dialetto quasi meglio di me». Per accorgersene basta girare qualche scuola ad alta concentrazione di stranieri, che spesso traducono ai genitori quello che dicono i docenti. E poi ci sono gli adulti: nel 2012 in 16. 8oo hanno sostenuto i test di italiano. Osserva Tiziana
Agostini, assessore veneziana all'Istruzione: «Sono favorevole allo ius soli, chi ha iniziato a studiare qui ha un progetto di vita in Italia, perciò non si dovrebbe nemmeno porre il problema. Non si tratta di un'opportunità, ma di una certificazione di uno status quo». Ci va invece cauto
il presidente veneto dell'Associazione nazionale presidi, Lorenzo Gaggino: «La legge è molto restrittiva, però non ritengo
opportuno concedere la cittadinanza solo per nascita, un minimo di residenza in Italia è indispensabile. Anche perchè siamo un Paese di transito, tanti
stranieri approdano qui per ripartire alla volta di altri Stati appena possono, così come altri tornano in patria dopo un certo periodo. C'è poi il caso dei bimbi di profughi nati in Italia appena sbarcati: è giusto dare loro la cittadinanza? E' vero, bisogna accorciare i tempi per il riconoscimento di tale diritto a chi si
è integrato, ma anche vagliare per bene caso per caso».
In crescita oltre le aspettative, invece, quest'anno sono gli studenti italiani: 4.138 alunni in più, di cui 1.133 a Treviso. In questo caso l'aspetto più delicato da gestire sono i disabili, aumentati dai 12.883 del 2009/2010 agli attuali 15.615. Per seguirli al meglio, l'Ufficio scolastico regionale ha autorizzato quest'anno in deroga ai 5.960 posti di docenza concessi dal ministero, altri 1.263 posti, 300 in più degli scorsi anni. «Si
trattava di una necessità inderogabile - dice la direttrice Gianna Miola - a questi ragazzini deve essere fornito un servizio scolastico adeguato. Già le strutture non sono così, almeno gli insegnati non possono mancare». Costruite negli anni '70, tante scuole venete sono sprovviste di ascensore o rampe di accesso per i disabili e in alcuni casi i docenti sono costretti a portare in spalla i ragazzi per raggiungere i piani superiori. Gli edifici, insomma, non sono certamente il fiore all'occhiello della scuola veneta. Quello che c'è dentro, però, probabilmente sì.
Un risultato su tutti lo dimostra: le prove Invalsi. La scuola veneta anche quest'anno stacca di decine di punti la media nazionale, con una media di +11 punti nella prova di italiano di seconda superiore e di +14 in quella di matematica. «Il dato curioso è che sembrano non esserci grosse differenze tra istituti di città e di periferia - chiude Miola - a riprova che la scuola veneta, tutta, funziona bene».


Fonte: Corriere del Veneto 12/09/2013 articolo di Alice D'Este


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 13 set 2013, 11:52 
Moderatore

Iscritto il: 07 dic 2008, 19:59
Messaggi: 631
Cita:
Ma se non lo ha ancora interiorizzato e accettato chi di dovere, mettendo la questione “legge sulla cittadinanza” tra le priorità - come possiamo pretendere che lo impari il genitore di Costa Volpino, laggiù nel bergamasco con 9mila anime e una prima elementare appena estinta perché presentava quattordici bambini di “origini straniera” e soli sette bambini “italiani doc”?



http://karimamoual.blog.ilsole24ore.com ... liani.html


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010