OndeG2 su Popolare Network – IV puntata

Venerdì 28 marzo h.8.15/9 va in onda all’interno di Toubab, “OndeG2” sulle frequenze di Radio Popolare.

Tema della puntata: la Cittadinanza

Nella nuova puntata riprenderemo a parlare del tema della cittadinanza.
Racconteremo gli ostacoli di accesso alla cittadinanza italiana dei figli degli immigrati nati e/o cresciuti in Italia. Con l’aiuto dei nostri ospiti, parleremo della situazione emblematica di ordinaria assurdità che la legislazione italiana causa nella vita di una famiglia in particolare, dei figli, e dei figli dei loro figli e parleremo delle proposte della Rete G2 in materia di cittadinanza.

Il podcast di ogni puntata verrà caricato sul blog sito della rete G2


Per poter ascoltare in diretta OndeG2:
frequenze di Popolare Network
sito di Radio Popolare

Buon ascolto!
Rete G2 – Seconde Generazioni

“Straniero a chi?” La rete G2 – Seconde Generazioni presenta il cd dei figli degli immigrati

Roma, 18 marzo 2008 – Nasty Brooker, Mike Samaniego, Karkadan, Amir, Wahid Efendi, Zanko El Arabe Blanco, Intiman and the dojobreakers, Diamante & Skuniz, Linea di Massa, Natural Disastro, Maztek e Taxi sono i protagonisti di “Straniero a chi? Tracce e parole dei figli dell’immigrazione” cd musicale promosso dalla rete G2 – “ Seconde Generazioni, in collaborazione con il ministero della Solidarietà sociale e realizzato dalla casa discografica Gridalo forte records. Il cd, che verrà presentato alla stampa venerdì 21 marzo alle ore 11.00 presso il Ministero della Solidarietà Sociale, è composto da 13 brani realizzati da gruppi musicali composti anche da figli di immigrati o da singoli artisti di origini straniere di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Si tratta di musicisti cresciuti in Italia e originari di Paesi come Filippine, Gabon, Eritrea, Brasile, Egitto, Capo Verde, Cina, Siria, Haiti.
“Questo cd – spiega Mohamed Tailmoun, portavoce della rete G2 – Seconde generazioni “ sarà legato ad una serie di iniziative sul territorio volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà di accesso alla cittadinanza italiana dei figli degli immigrati nati qui o nei Paesi di origine, ma tutti cresciuti in Italia”.

Tremila le copie previste del cd, nel quale si spazia da brani hip hop come quello di apertura di “Straniero a chi?”, “In ostaggio” di Nasty Brooker alias Carlo Magoni, e “Prospettive” di Mike Samaniego, passando per sonorità reggae, punk od elettroniche, fino ad un classico della musica italiana “Con il nastro Rosa” di Lucio Battisti, rivisitato in chiave soul da Wahid Efendi.

Alla conferenza stampa di presentazione parteciperanno:

Paolo Ferrero – Ministro della Solidarietà Sociale

Cristina De Luca – Sottosegretario al ministero della Solidarietà sociale

Mohamed Tailmoun – portavoce della rete G2 – Seconde Generazioni

Artisti del cd “Straniero a chi?”

OndeG2 su Popolare Network – III puntata

"OndeG2" per l’Italia del presente: la terza puntata sempre su Radio Popolare Milano e Popolare Network

Dal 15 febbraio trasmette “OndeG2”: la trasmissione ideata dalla rete di figli di immigrati “G2 – Seconde Generazioni”, in particolare dal gruppo G2 di Milano. La terza puntata andrà in onda nella mattina di venerdì 14 marzo 2008. Protagonisti della nuova puntata: i racconti sugli ostacoli di accesso alla cittadinanza italiana da parte delle seconde generazioni nate e/o cresciute in Italia. Storie di quotidiana assurdità , con fratelli e sorelle cresciuti insieme in Italia che si ritrovano in situazioni opposte, chi con la cittadinanza italiana e chi con un permesso o carta di soggiorno.Potete ascoltarci: i venerdì alternati dalle 8.15 alle 9 su “Toubab”, trasmissione di Radio Popolare Milano e i lunedì alternati dalle 14 alle 15.30 in versione ridotta all’interno di “Jalla! Jalla!”, trasmissione di Popolare Network e quindi raggiungibile da tutta Italia.

Cerca la frequenza più vicina di Popolare Network : www.radiopopolare.it/ascoltaci/frequenze/ .

Per ascoltare le prime 2 puntate di “OndeG2” e lasciare i vostri commenti vai sul Blog G2: www.secondegenerazioni.it .
E visita il Forum G2: www.secondegenerazioni.it/forum/
Oppure scrivete direttamente alla mail della rete G2: g2@secondegenerazioni.it

Buon ascolto!

OndeG2 su Popolare Network – II puntata

Continua OndeG2 su Popolare Network, la serie d’incontri pensati e ideati dalla rete G2 – Seconde Generazioni all’interno di Toubab, trasmissione di Radio Popolare Milano.
La mattina di venerdì 29 febbraio potrete ascoltare la seconda puntata dello spazio radiofonico.
Il tema sarà “Luoghi comuni e stereotipi raccontati dalle seconde generazioni in Italia”.
Sarà una sorta di “racconto per immagini”, l’espressione radiofonica di un “fumetto”, leggero nel tratto ma profondo nel significato, in stile G2, naturalmente!
Raccontiamo, con l’aiuto dei diretti interessati aneddoti e ricordi di situazioni imbarazzanti, strane o divertenti che li hanno visti coinvolti, facendo emergere i luoghi comuni e gli stereotipi più diffusi sulle seconde generazioni, e vissuti sulla loro pelle.

Potete ascoltarci, il venerdì dalle 8.15 alle 9, una volta ogni due settimane su Toubab.
In replica invece la versione ridotta, su Jalla!Jalla! su Popolare Network nazionale – dalle 14 alle 15.30 il lunedì sempre una volta ogni due settimane.

Cerca la frequenza più vicina di Popolare Network :
www.radiopopolare.it/ascoltaci/frequenze/
o ascolta in diretta: www.radiopopolare.it
Commenti e suggerimenti all’interno del forum G2 sotto iniziative.
Il podcast di ogni puntata è caricato sul Blog G2. Clicca sotto per l’ascolto!

OndeG2 su Popolare Network

Nuove onde radio stanno arrivando. Parte da domani la prima di una serie di incontri per approfondire tematiche (cittadinanza, identit� , radici, stereotipi, confronti) che toccano da vicino le seconde generazioni nati e cresciuti in Italia. Parte OndeG2, uno spazio creato da G2 all’interno della trasmissione Toubab su Popolare Network.

All’interno della prima puntata, attraverso alcune interviste, si cercherà di mettere a confronto l’esperienza di due seconde generazioni figli di immigrati in Italia con quella delle seconde generazioni figli di italiani all’estero (un italo-americano ed un italo-australiano di seconda generazione nei rispettivi paesi).

Le sfumature fra le realt� saranno sorprendentemente simili, tipiche di chi si trova a cercare la propria identità fra due culture. In questo quadro, non mancheranno di spiccare le anomalie del sistema italiano nella concessione della cittadinanza ai figli dell’immigrazione, sistema che risulta poco aperto nei confronti dei nati e/o cresciuti in Italia da genitori stranieri.

OndeG2 su Popolare Network
il venerdì mattina h. 8.15/9, a partire dal 15 febbraio, ogni due settimane
all’interno di Toubab su RadioPopolare Milano

Qui sotto potete ascoltare la prima puntata cliccando sul pulsante play.

Il Presidente Napolitano accoglie l’appello della rete G2

"La legge sulla cittadinanza è troppo restrittiva, bisogna aprire canali nuovi di accesso alla cittadinanza italiana per tanti ragazzi e tanti giovani, figli di immigrati"

Roma, 20 Novembre 07 – La rete di figli di immigrati "G2 Seconde Generazioni" ha consegnato oggi nelle mani del presidente Giorgio Napolitano una lettera per la riforma della legge sulla cittadinanza (legge 91 del 1992), in occasione della celebrazione della Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. A parlare al presidente e a consegnare l’appello per la riforma della legge è stato il diciassettenne Ian Kiggundu, studente del liceo scientifico Newton di Roma, che guidava la delegazione della rete di figli di immigrati. La delegazione, composta da bambini e adolescenti è stata ricevuta al Quirinale alla presenza dei ministri Rosy Bindi, Politiche per la famiglia, e Paolo Ferrero, Solidarietà Sociale, e di Anna Maria Serafini, presidente della Commissione bicamerale per l’infanzia. Durante la cerimonia hanno parlato anche bambini e ragazzi, accompagnati dal Gruppo partecipazione del Coordinamento Pidida (Per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che raccoglie oltre 40 Ong italiane). "Crediamo che è anche a noi che lei si rivolge quando parla a tutta la popolazione – continua l’appello di G2 -. Per questo le chiediamo di fare in modo che tutti i figli d’Italia abbiano le stesse opportunità di partenza e possano avere le stesse aspirazioni e non restino degli Italiani con il permesso di soggiorno. Le chiediamo quindi di sollecitare il percorso della legge sull’accesso alla cittadinanza italiana che noi speriamo possa finalmente riconoscerci tutti dei pari rispetto ai nostri coetanei, figli di italiani, amici, compagni di scuola, vicini di casa, con i quali, spalla a spalla, stiamo già diventando adulti".

La rete G2 si riferisce alla riforma della legge sulla cittadinanza (legge 91 del 1992) ancora ferma in Commissione Affari costituzionali della Camera il cui percorso dovrebbe riprendere nel gennaio 2008. Una parte della proposta di modifica riguarda proprio i figli di immigrati nati in Italia e anche quelli nati nei Paesi di origine ma cresciuti in Italia in seguito a ricongiungimento familiare. La Rete G2 era stata ascoltata nei primi mesi del 2007 in una audizione presso la Prima Commissione proprio per sostenere una legge più aperta nei confronti dei figli dell’immigrazione, anche degli ormai maggiorenni.

Alle parole e all’appello della rete G2 si è dimostrato sensibile Napolitano che ha concluso la cerimonia dichiarando: "la legge sulla cittadinanza è troppo restrittiva, bisogna aprire canali nuovi di accesso alla cittadinanza italiana per tanti ragazzi e tanti giovani, figli di immigrati".

Per commenti

La rete G2 incontra il Presidente Napolitano

Al Presidente viene consegnato un appello per la riforma della legge sulla cittadinanza

Oggi 20 novembre 2007, Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, una delegazione della rete di figli di immigrati "G2 – Seconde Generazioni" verrà ricevuta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
La delegazione, composta da bambini e adolescenti figli di immigrati, incontrerà il Presidente in occasione della celebrazione ufficiale della Giornata, promossa dalla Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, che si svolgerà dalle 12 alle 13 al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, dei Ministri Rosy Bindi, Politiche per le famiglie e Paolo Ferrero, Solidarietà Sociale, e di Anna Maria Serafini, Presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia. Durante la cerimonia bambini e ragazzi, accompagnati dal Gruppo partecipazione del Coordinamento PIDIDA (Per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che raccoglie oltre 40 ONG italiane) interverrà all’incontro, facendo ascoltare il punto di vista e le opinioni dei ragazzi.
In tale contesto la delegazione della rete G2 rivolgerà un appello al Presidente della Repubblica attraverso la voce di Ian Kiggundu, studente del liceo scientifico Newton (Roma), che consegnerà anche una lettera a Napolitano riguardante la riforma della legge sulla cittadinanza italiana (l. n.91 del 1992) che riguarda anche i figli di immigrati nati in Italia o nei Paesi di origine ma tutti crescitui in Italia.

Ecco alcuni passaggi della lettera:
"Caro Presidente, le chiediamo di ascoltarci e di non farci rimanere invisibili. Mentre i nostri amici e vicini ci riconoscono come italiani, l’attuale legge sulla cittadinanza impedisce a molti di noi di essere considerati italiani anche sulla carta. Noi siamo orgogliosi dei nostri genitori che lavorano in Italia per darci un futuro migliore, ma, Signor Presidente, noi, nati qui o arrivati qui da piccoli, ci sentiamo anche figli dell’Italia e adesso chiediamo a Lei di aiutare noi e le nostre sorelle e fratelli più piccoli a essere riconosciuti come tali. Crediamo che è anche a noi che Lei si rivolge quando parla a tutta la popolazione. Per questo le chiediamo di fare in modo che tutti i figli d’Italia abbiano le stesse opportunità di partenza e possano avere le stesse aspirazioni e non restino degli "Italiani con il permesso di soggiorno". Le chiediamo quindi di sollecitare il percorso della legge sull’accesso alla cittadinanza italiana, che noi speriamo possa finalmente riconoscerci tutti dei pari rispetto ai nostri coetanei, figli di italiani, amici, compagni di scuola, vicini di casa, con i quali, spalla a spalla, stiamo già diventando adulti".

Rete G2 – Seconde Generazioni
www.secondegenerazioni.it

,

Pausa d’agosto. Ma resta aperto il Forum G2

ombrellone2.jpgLe attività più significative della Rete G2 – Seconde Generazioni riprenderanno a settembre: ci aspettano nuove grandi sfide per l’anno scolastico-lavorativo 2007-2008. Alcuni ad agosto si prenderanno una pausa vacanziera dalle attività , dalle proposte e idee, e gli altri/e che continueranno invece a lavorare e/o studiare approfitteranno per riposare un po’ la testa fumante per le tante cose fatte come G2 nel corso dell’ultimo anno lavorativo-scolastico.

A settembre ricominceremo a darci da fare tutti insieme come rete nazionale autorganizzata di figli di immigrati: l’idea fissa di molti/e è quella di cominciare da là a lavorare per riunire le seconde generazioni della rete G2, sparse per l’Italia, nel Workshop G2 2007, che alcuni di noi hanno proposto di fare a novembre, a Roma. Anche per riuscire a far incontrare chi per ora si conosce solo attraverso lo strumento di internet e i "veterani g2ini" che gi&agrave si sono rivisti in altri appuntamenti.

Intanto c’è il nostro Forum G2 che continuerà a restare aperto e attivo per chiunque abbia qualcosa da dire, comunicare, segnalare o per gli sfoghi quotidiani. E anche per il semplice scambio di battute divertenti o provocazioni ironiche. Magari anche chi tornerà nel Paese di origine durante ques’estate ci potrà raggiungere sul Forum raccontadoci un po’ come vanno le cose.

A tutti/e un buon agosto

PROPOSTA DI LEGGE

Questa è la nostra proposta di legge riguardo alla cittadinanza. Abbiamo ritenuto coerente e giusto il fatto di far sentire la nostra voce ai legislatori su un tema che ci riguarda da così vicino.

Clicca qui per visualizzare.
Tutti i commenti sono ben accetti.

,

Report Assemblea G2 primo luglio ’06

G2Ecco il resoconto super sintetico di quanto detto il pomeriggio del Workshop G2 del primo luglio 2006 e al quale hanno preso parte seconde generazioni di Roma, Milano, Napoli, Prato, Genova e Camerino:

La parte assembleare del primo luglio è stata aperta con i punti G2 di una proposta di riforma della legge sulla cittadinanza per migliorare l’accesso dei nati e dei non nati (ma cresciuti) in Italia e farne dei cittadini al 100%. Tale proposta verrà postata sul forum G2.

I G2 di Roma hanno anche raccontato gli incontri fatti da loro con alcuni politici sensibili ai problemi delle-dei G2 con il fine di capire a che punto era il dibattito interno nella nuova maggioranza di governo per la modifica della legge sulla cittadinanza (l. 91 del 1992) di cui tanto si è parlato da più di un mese a questa parte, ma sulla quale nessuna organizzazione di seconde generazioni si era ancora espressa pubblicamente;
Da alcune parti sono state espresse preoccupazioni per proposte che forse non sono ancora condivise da tutta l’Italia rispetto ad una cittadinanza aperta ai nati in Italia fin dai primi anni di vita;
Da altre parti è invece stata espressa la necessità di porre l’attenzione sulle esigenze delle seconde generazioni, di "puntare in alto" quando si fanno richieste sulla cittadinanza perché si parte da esigenze concrete da non sottovalutare, perché si sta parlando del futuro di tutto il Paese, con sempre più G2 (oggi i minori figli di immigrati sarebbero gia 491mila secondo le stime dossier Caritas/Migrantes);
Per alcuni, una parte dell’Italia non è pronta a vedere le seconde generazioni come una parte della società alla quale aprire di più le porte per evitarne anche l’esclusione; per altri la maggioranza dell’Italia è pronta a considerare, innanzitutto i nati in Italia, come dei cittadini a tutti gli effetti (alcuni riportavano lo stupore di conoscenti, anche non stretti, nel sapere che, pur essendo nati qui, alcune G2 non erano cittadini al 100%);
Qualcuno delle città fuori Roma ha appoggiato la necessità espressa dai G2 di Roma di formulare proposte, a cominciare dal tema centrale dell’accesso alla piena cittadinanza, da poi presentare a chi avrà la possibilità di legiferare in materia;
E’ stata espressa la necessità di allargare il gruppo di seconde generazioni da far partecipare alla formulazione di un percorso comune che veda le seconde generazioni come attori diretti, visto che si tratta di diretti interessati da legislazioni e politiche;
Si è parlato del rischio che l’esperienza di rete di G2 in diverse città possa esaurirsi se non riuscirà a radicarsi sempre più nel territorio e a trovare più sponde politiche (e non solo) interessate a un lavoro con le seconde generazioni. Si è posto anche l’accento sulla necessità di trovare una sostenibilità economica in grado di appoggiare una rete e un lavoro nazionale di G2;
Da osservatori esterni è stato suggerito che G2 si proponga come punto di riferimento per proposte, anche legisaltive, che interessino le seconde generazioni a livello locale e nazionale;
E’ stata decisa la creazione di un forum di comunicazione in internet dove innanzitutto mettere e invitare alla discussione riguardo alla proposta di riforma della legge sulla cittadinanza elaborata da G2;
Il forum dovrà servire a mantenere vivo il contatto tra g2 di diverse città e formulare proposte comuni per migliorare la realtà delle seconde generazioni. Potrà diventare un punto di riferimento per altre seconde generazioni che già lavorano sul tema o per altre che se ne vogliono occupare in maniera più continua. Le discussioni e proposte che usciranno in questo forum potranno servire anche ai nuovi gruppi di seconde generazioni che con G2 vorranno cominciare a lavorare a Roma o in altre città di sud-centro-nord-isole.

Visita il forum per discutere del report dell’Assemblea 1/07/06

La proposta G2 sulla cittadinanza potrà essere letta più avanti sul forum G2.