Pubblicati da

Un giorno cruciale

La paura di molti esponenti e sostenitori del Partito dei Nazionalisti si concretizzò alle 13.14 minuti del 3 marzo, quando un bambino italiano di origini straniere nacque. I giorni antecedenti al fatto, in televisione non trasmisero altro che programmi nei quali invitavano analisti ed esperti del settore socio-politico-economico per discutere delle conseguenze di tale evento. […]

La romanità

Un po’ di tempo fa ho chiesto a mio fratello, che ha vissuto sempre a Roma: hai sentito di Paolo Sarpi? Lui mi risponde: e sti ca..i?!! La medesima domanda l’ho fatta a un mio compagno delle superiori, naturalmente romano, di Lunghezza per l’esattezza. E lui mi risponde: Paolo Sarpi chi??? Non lo conosco! Quando […]

Caccia alle rane

A Sisi S’era appena fatto buio a Youzhu. Il fiume aveva seguito il sole fino al culmine della sua ascesa sui monti da dove era poi lentamente scomparso, lasciando sull’acqua una scia di punti luminosi. Una brezza serale aveva poi cominciato a spirare per le strade e viuzze del paese, dando sollievo ad un gruppo […]

Lezioni di volo

Il tema delle seconde generazioni, si rivela caldo anche al cinema, col film "Lezioni di volo" in uscita a breve(16 marzo). E questa è la trama: "Pollo (Andrea Miglio Risi) e Curry (Tom Angel Karumathy) sono due compagni di scuola, li chiamano così perché stanno sempre insieme. Dopo una bocciatura all’esame di maturità, per evitare […]

Un G2 romano a Padova

A Padova l’aria è umida, soprattutto in questa stagione, ma alla gente non importa tanto visto che vanno spesso in bicicletta con le mani scoperte e il viso scoperto. Hanno un accento dal tono basso, i padovani, nulla a che vedere col romano.Per me che in viso sono orientale, fare la spesa, andare da qualche […]

Storia di scontri multietnici

  Ore 21, "La più alta Vetta" si dirige col motorino a casa, dopo una lunga giornata di lavoro. Con sé porta un sacchetto di plastica contenente cibo take away. All’altezza di Porta Maggiore, forse per la fretta, forse perché non vedeva l’ora di arrivare a casa, prende col motorino di struscio una signora, che […]

Il bar cinese

C’erano i mondiali di calcio, ma a Tang non era mai piaciuto il calcio. A lui interessava solo il lavoro, la famiglia e la salute. Tang il cinese, così come molti altri della sua nazionalità , teneva un bar e lo gestiva discretamente bene. E anche gli affari andavano discretamente bene, tanto che si poteva […]

L’imprevedibile destino dell’essere(umano)

Alle elementari, anni ’90, la mia maestra diceva sempre: -" mi piacerebbe avere un’aula di soli cinesini! Così non fanno chiasso, son bravi a scuola, son ubbidienti." Quelli erano anni di primo contatto tra il bambino cinese e la maestra italiana. E quest’ultima rimaneva affascinata dal bravo bambino "diverso": più tranquillo, meno chiassoso e più […]

Guerra (fredda) invisibile

In metropolitana l’atmosfera era pesante. Ma non per colpa della poca gente. E questa può sembrare una contraddizione. Neppure tanto, in fondo. Due persone distinte, un signore italiano, sui 50 e una signora italiana, sui 40, parlavano. Dei signori sui 45, cinesi, parlavano. I secondi ignari dei putridi bisbigli dei primi, discutevano a voce media […]