Caso Tavecchio, Oshadogan a G2 Parlamenta: “Mostrato il lato peggiore dell’Italia”

“La prima reazione è stata di incredulità. Dispiace perché non si perde mai occasione per mostrare i lati peggiori dell’Italia, accadono cose che ci fanno sempre segnalare in modo negativo ”. Commenta così le frasi shock di Carlo Tavecchio, Joseph Dayo Oshadogan, raggiunto in Polonia da G2 Parlamenta, il progetto  realizzato su Facebook da Rete G2 con il sostegno di Open Society Foundations per raccontare il dibattito attorno alla cittadinanza e dare voce alle seconde generazioni italiane.  

Nato a Genova da padre nigeriano e madre italiana, Oshadogan è stato il primo giocatore nero a indossare la maglia della Nazionale Under 21, il 3 ottobre 1996 in Moldavia, e il terzo a esordire il Serie A nell’ottobre del 1999. “Dopo tanti anni vissuti in prima persona da calciatore, e poi anche in un altro ruolo, sembra sempre che le cose non cambino – racconta Oshadogan a G2 Parlamenta – si parla dell’importanza di educare i ragazzi, ma sono venti anni che ne sento parlare ed escono sempre situazioni del genere. Quello che non ti aspetti – continua – è che certe affermazioni vengano dalle istituzioni. E’ impensabile che una persona che mira alla presidenza della Federcalcio possa dire una cosa del genere, uno rimane basito e incredulo. Sicuramente il concetto che voleva esprimere Tavecchio era un altro – spiega l’ex calciatore  – voleva dire che in Inghilterra ai giocatori stranieri si richiedono determinati requisiti, ma se ne è uscito con una frase che va oltre il calcio. Se parli di banane nel 2014 significa che è un punto di vista insito nella persona”.

La frase di Tavecchio ha colpito anche le seconde generazioni italiane. “Ormai ci sono ragazzi etnicamente diversi che sono italiani a tutti gli effetti – dice Oshadogan – ragazzi che nei paesi di origine non ci sono mai stati. Noi dobbiamo guardare all’esempio che arriva da Olanda, Francia e Germania”.

Dopo la frase di Carlo Tavecchio solo pochi club hanno tolto l’appoggio al loro candidato: “Adesso si è creata una situazione per cui uno si deve schierare – afferma Oshadogan a G2 Parlamenta – noi in Italia abbiamo dirigenti come Albertini, personaggi come Baggio, Cannavaro e Del Piero, gente nuova, persone valide che si sono già distinte sul campo nella loro carriera. Una generazione che può cambiare il calcio in Italia è già pronta. Il tempo delle volontà è finito”.

 G2 Parlamenta – Rete G2 Seconde Generazioni