Che ne sarà di noi?

I Governi si susseguono, la politica porta avanti la sua recita, il suo teatrino non chiude mai il sipario.
E noi, gli italiani, possiamo soltanto restare a guardare. Cerchiamo di far sentire la nostra voce, e la nostra voce viene certamente ascoltata, ma le risposte che aspettiamo non arrivano.

Evidentemente non siamo ancora tra le priorità, come ha affermato la deputata Bertolini durante le sedute della Commissione Affari Costituzionali del 23 giugno scorso.

La relatrice Bertolini «ritiene che in questa fase i cittadini italiani abbiano altre emergenze pur essendo indubbia l’importanza dell’argomento in discussione».

Noi, il popolo, chiamato ad esercitare la sovranità. Noi, il popolo, la base dello Stato. Noi, il popolo, dal quale derivano la loro legittimazione le istituzioni, le leggi, i provvedimenti dello Stato.
La definizione di questo “popolo” non è tra le priorità dei cittadini italiani?
Quali sono, allora, queste priorità?

La Grecia – leggi qui e qui –  con tutti i suoi immensi problemi di stabilità economica e politica, ha dato priorità alla definizione di chi è greco e di come lo si diventa, passando dalla normativa più restrittiva in materia di cittadinanza ad un regime in linea con quelli vigenti nei paesi del Nord Europa, introducendo elementi di jus soli accanto allo jus sanguinis.
Dopo la Grecia ci siamo soltanto noi. L’Italia ormai è il paese giuridicamente più escludente d’Europa.

In Italia, i nostri politici-commedianti, continuano a usare il fenomento dell’immigrazione “irregolare” per mantenere in ostaggio i destini, il presente e il futuro dei migranti “regolari” e dei loro figli.

Così il deputato Luciano Dussin, durante la medesima seduta in Commissione Affarci Costituzionali, può permettersi di esprimersi in questo modo senza sentirsi in colpa: «Evidenzia come l’attribuzione della cittadinanza con maggiore facilità ai minori o a chi nasce nel territorio italiano equivale ad attribuire la cittadinanza anche ai genitori. In tale caso, infatti, non sarebbe possibile l’espulsione in caso di reato. Sottolinea, pertanto, come con argomentazioni di carattere emotivo si sta cercando di coinvolgere i cittadini su un tema che necessita di grande attenzione ed approfondimento».

A questo parlamentare, che dimostra una concezione alquanto medievale del diritto, ricordiamo che esiste un sistema giurisdizionale di difesa del rispetto delle norme che, se può valere per gli italiani “purosangue”, può valere anche per gli altri esemplari della fauna umana.  Ci sentiamo offesi da questa attitudine a vedere i migranti (i nostri genitori) come potenziali criminali.

Che ne sarà di noi in questo paese? Che ne sarà di noi in un paese dove sulla nostra pelle  si combattono le schermaglie politiche e dove non c’è consenso neanche sui principi fondamentali di una repubblica democratica e liberale? Che ne sarà di noi in un paese dove è normale manternerci in una condizione di subordinazione giuridica? Che ne sarà di noi dopo l’università? Che ne sarà di noi alla scadenza del prossimo permesso di soggiorno? Che ne sarà di noi dopo l’estate? Che ne sarà di noi con l’evolversi della sorte di questo Governo? Che ne sarà di noi con il prossimo Governo? E quello dopo ancora?
Che ne sarà di noi in un paese dove siamo costretti a porci ancora queste domande, quando avremmo migliaia di altri interessi, sogni, progetti per i quali impegnarci e sui quali  profondere i nostri sforzi?

Buone vacanze popolo italiano.
Ci risentiamo dopo l’estate…o quando avremo trovato qualche risposta…